Priverno, prorogato al 25 marzo il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli

di Redazione – Il Comune di Priverno ha prorogato la scadenza del pagamento dell’IMU sui terreni agricoli al 25 marzo. Questo rinvio, spiega il Comune, “sta a testimoniare la nostra sensibilità nei confronti dei cittadini affogati dalle tasse”. Infatti visto che il decreto legge n. 4 del 24/01/2015 del Governo deve essere convertito in legge entro 60 giorni e visto che nel corso dell’iter parlamentare potrebbe aggiungersi, considerando gli emendamenti presentati, anche l’esenzione per Comuni parzialmente montani, come Priverno, l’amministrazione ha deciso di aspettare e nel frattempo non riscuotere la tassa definita “iniqua e ingiusta”.

“La nostra battaglia è appena all’inizio e per combatterla utilizzeremo tutte le armi che l’ordinamento ci concede – spiega il Comune -, assumendoci – se del caso – tutte le responsabilità necessarie: noi siamo stati eletti dai cittadini e abbiamo come unica bussola e come unica missione la tutela dei loro interessi, contro le politiche scellerate di austerità e rigore. Nonostante gli innumerevoli vincoli che la nuova disciplina impone e la situazione drammatica in cui è stato ridotto il Comune di Priverno, l’Amministrazione Comunale con senso di responsabilità sta facendo il massimo”.

SEZZEIl Comune di Sezze invece ha deciso di non andare a sanzionare i contribuenti per il ritardo nel pagamento dell’Imu. La decisione è stata presa dalla giunta comunale, che ha deciso di attendere il 25 marzo 2015, termine ultimo entro cui dovrebbe essere convertito in legge il d.l. 4/2015.

SHARE