Piscina scoperta, impianto chiuso: il Comune ordina la riapertura. Società di pallanuoto penalizzate

Piscina-Scoperta

La Società Nuoto 2000 continua a mantenere chiusa la piscina comunale scoperta di Via dei Mille e il Comune interviene con un’ordinanza per intimarne la riapertura. Il documento è stato pubblicato ieri sull’Albo Pretorio e segue la determina con cui il Comune ricordava alla società che l’accordo vigente tra le parti era la Concessione del 2006 (che stabiliva la gestione degli impianti interamente alla Nuoto 2000), e non il Protocollo del 2012 (che invece stabiliva che la piscina scoperta nei mesi invernali fosse a carico del Comune). Le tre società che volevano usufruire dell’impianto, Latina Pallanuoto, Anteres e Circolo Ambranuoto, si erano accordate stilando un calendario per l’utilizzo della struttura, ma la Nuoto 2000 non ha ceduto. Per questo il Comune sta ricorrendo alle maniere forti.

Nell’Ordinanza si legge che “In data odierna (13 ottobre ndr) non risulta che alle società sopra menzionate sia stato consentito da parte del concessionario l’accesso né l’utilizzo della piscina scoperta e degli impianti, senza giusta causa o giustificato motivo. Rilevato che tale condotta costituisce una manifesta violazione degli obblighi contrattuali, determinando altresì l’interruzione di pubblico servizio con grave danno alla collettività, ordina al concessionario Nuoto 2000 Srl di consentire l’immediato accesso alle associazioni sportive come da calendario”.

Il Comune nell’ordinanza fa sapere che in caso di mancata esecuzione avvierà tutti i procedimenti previsti per legge e necessari alla tutela dell’Ordine Pubblico. Il Provveidmento è stato notificato anche alla Polizia Municipale, ai Carabinieri e alla Questura.

Nel frattempo il braccio di ferro legato alla gestione della piscina sta penalizzando fortemente le società di pallanuoto.

“Nonostante la Determina dell’Amministrazione – ha scritto qualche giorno fa la Latina Pallanuoto sulla sua pagina Facebook -, le Società sportive non hanno ricevuto alcuna comunicazione per iniziare gli allenamenti nella piscina open! Siamo al 12 Ottobre, i ragazzi non possono iniziare le attività sportive, la prima squadra è a riposo, nel frattempo le Società sostengono i costi! Attendiamo comunicazioni per poter entrare in piscina, non si può vietare lo svolgimento di una sola disciplina sportiva!”

“L’Antares Nuoto Latina si dichiara avvilita del braccio di ferro tra comune e gestore sulla piscina open – così ieri la società ancora una volta sulla pagina Facebook – Auspichiamo che sistemino la questione nelle opportune sedi e si possa fare un punto zero da cui ripartire, consentendoci subito l’ingresso in vasca.
 Per il bene di questo sport e di centinaia di ragazzi che lo praticano con sacrificio e passione”.

* Foto presa dalla pagina Facebook della società Antares Nuoto Latina

SHARE