Piscina scoperta, il Comune si impone sulla Nuoto 2000 e ripristina l’accordo del 2006

piscina-scoperta-Via-dei-Mille

Il Comune di Latina risolve la questione dell’utilizzo delle piscine di Via dei Mille con una determina pubblicata sull’Albo Pretorio che stabilisce la validità della sola convenzione stipulata nel maggio 2006. L’accordo prevedeva che la Nuoto 2000, concessionario, si occupasse della costruzione della piscina scoperta e delle opere accessorie e della gestione delle opere comprensive della piscina coperta, e a “gestire funzionalmente ed economicamente l’intero impianto compresa la manutenzione ordinaria e straordinaria della piscina scoperta e delle opere ad essa accessorie, la sola manutenzione ordinaria della piscina coperta esistente”.

Secondo la Nuoto 2000 questo accordo verrebbe meno dal momento che nel 2012 è stato siglato un Protocollo di Intesa dal Dirigente del Sercizio Impianti Sportivi e dalla Nuoto 2000 in cui si conveniva “che la piscina scoperta sia gestita dal 01 giugno al 30 settembre di ogni anno, dalla Nuoto 2000 srl e dal 01 ottobre al 31 maggio dello stesso arco temporale dal Comune di Latina. Nei periodi di gestione la Nuoto 2000 srl ed il Comune di Latina assumeranno in carico gli impianti medesimi”. Tale Protocollo, sostiene la determinata firmata dall’architetto Giovanni Della Penna, “non trova riscontro in alcun atto costitutivo della volontà dell’Amministrazione comunale volto a modificare i termini contrattuali precedentemente posti con il contatto Rep. 65233/2006 e, pertanto, non recepisce alcuna volontà dell’Amministrazione volta a modificare e/o chiarire la condizioni della convenzione originaria”. Per questo il Comune non ritiene di avere obblighi e oneri nei confronti delle strutture sportive, tantomeno nel pagamento delle utenze.

Il rapporto tra Comune e Nuoto 2000 era già teso da quando il Commissario Prefettizio Giacomo Barbato aveva intimato alla società il pagamento di 494 mila euro che sarebbero le utenze del gas dal gennaio 2012 al gennaio 2016.

Il braccio di ferro con il Comune ha portato al rischio di chiusura della piscina scoperta. Per il Comune si tratta di interruzione di pubblico servizio, e ciò comporterebbe l’automatica rescissione del contratto. Il Comune, in attesa di chiarire il contenzioso con la Nuoto 2000, vuole ripristinare la validità del solo accordo sottoscritto nel 2006 e permettere comunque alle società sportive di utilizzare la piscina scoperta dell’impianto di Via dei Mille. Le società in questione, Società Latina Pallanuoto, Società Antares, Società Circolo Ambranuoto hanno già stipulato un calendario, che l’amministrazione considererà valido almeno fino al 31 dicembre 2016.

In definitiva alla Società Nuoto 2000 vengono imposti gli obblighi originali, tra i quali la manutenzione ordinaria e straordinaria, provvedere all’ordinaria manutenzione della struttura, area di pertinenza, impianti ed attrezzature, mantenendo gli stessi a norma di legge; e anche l’assunzione a proprio carico, con utenze ad esso intestate, dei consumi di energia elettrica, gas, acqua per il funzionamento degli impianti e per la fruibilità dei locali annessi.

* Foto presa dalla Pagina Facebook della Latina Pallanuoto.

SHARE