Occupazione, il settore agricoltura a Latina va in controtendenza: nel 2014 aumenta il numero di lavoratori

di Redazione – Se i dati Istat sull’occupazione in Italia non sono mai rassicuranti, c’è un settore in cui si registra una controtendenza. Si tratta dell’agricoltura che nel quarto trimestre del 2014 ha fatto registrare il 7,1% del numero di occupati, un tasso dieci volte superiore al valore medio totale di tutti i settori.

“Nonostante la crisi del lattiero-caseario e dell’ortofrutticolo le imprese agricole pontine non solo hanno stabilizzato rapporti di lavoro, ma hanno anche aumentato il numero degli stagionali impiegati sui campi” ha commentato soddisfatto il direttore di Coldiretti Latina, Saverio Viola che si dice ottimista anche sui dati del primo trimestre del 2015. Inoltre, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Unioncamere, nell’ultimo trimestre del 2014 le imprese agricole condotte da under 35 sono salite in Italia a 49.871 con un in aumento dell’1,5%.

In quest’ottica quindi non stupiscono nemmeno i risultati di un sondaggio condotto da Ixè che rivela come il 57% di giovani oggi preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che fare l’impiegato in banca. La crescita del lavoro in agricoltura, spiega in una nota Coldiretti, è stata favorita anche dagli effetti della legge di orientamento (228/2001) che ha incentivato le attività connesse a quella agricola come la trasformazione dei prodotti, l’agri-benessere, le fattorie sociali e didattiche, la pet-therapy e i mercati dei coltivatori diretti di Campagna Amica.

SHARE