Nuovo orario dei treni, i pendolari di Minturno confermano la protesta del 13 novembre

stazione_minturno_scauri
La stazione di Minturno-Scauri

Il Comitato Pendolari Stazione Minturno, il Gruppo Interassociativo Terranima e la Confconsumatori-Latina confermano la manifestazione pubblica di domenica 13 novembre con partenza dal Piazzale ex Sieci in Scauri e arrivo nel piazzale della Stazione.

Nonostante ci sia stata un’apertura da parte dei vertici di Trenitalia che hanno modificato in parte l’orario dei treni che entrerà in vigore a dicembre, non è ancora abbastanza. Le modifiche prevedono treni diretti da Minturno solo nelle fasce mattutine e serali, lasciando scoperto completamente l’orario tra le 14 e le 17, quando i pendolari sarebbero comunque costretti al cambio a Formia.

Dalla parte dei pendolari si è schierato il sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli, che ha portato le loro proteste in Regione e ha ottenuto già una parziale revisione degli orari. Adesso è stato fissato un secondo incontro tra il primo cittadino, l’assessore regionale ai trasporti Refrigeri e i vertici di Trenitalia.

Ai viaggiatori è arrivata anche la solidarietà dell’Arcivescovo di Gaeta Mons. Luigi Vari che ha anche approvato la manifestazione indetta per il 13 novembre prossimo.

“La manifestazione pubblica – spiegano gli organizzatori – è aperta a tutte le componenti della società civile nessuna esclusa, in quanto strutturata come una passeggiata per le vie della città di Scauri con la quale la popolazione partecipante (genitori, bambini, studenti) esprime la propria volontà di difesa della stazione di Minturno Scauri”.

SHARE