Nel DUP gli obiettivi di Coletta: dal recupero di Al Karama al Museo dello Sport

Giunta Coletta

La giunta del Comune di Latina ha reso noto il DUP, Documento Unico di Programmazione, che contiene gli obiettivi dell’amministrazione e le indicazioni su come attuarli. Sono 130 pagine divise per assessorato, nelle quali vengono indicati di volta in volta gli obiettivi operativi, come si intende attuarli per il 2016, 2017 e 2018, e chi se ne dovrà occupare. Ecco alcune delle voci presenti. Il documento per intero si trova pubblicato sull’Albo Pretorio del Comune di Latina.

Non poteva mancare, subito, nelle prime pagine, l’ottimizzazione delle attività di prevenzione della corruzione nell’azione amministrativa. Come? Programmando e realizzando iniziative. Nel 2016 il Comune si impone di attivare un sistema di videosorveglianza e di ampliarlo l’anno successivo. Se ne occuperà la Polizia Locale e la Protezione Civile.

Alle voci dedicate al bilancio, tra gli obiettivi si legge l’introduzione del baratto amministrativo: il Comune prevede di elaborare e approvare gli atti regolamentari nel 2017 e introdurre la pratica nel 2018. Nel 2017 invece l’obiettivo della Giunta Coletta è la redazione di un regolamento di sperimentazione del Bilancio Partecipato, di modo che diventerà una realtà a partire dall’anno successivo.

Per quanto riguarda l’organizzazione del personale, nel DUP trova conferma la volontà dell’amministrazione di aggiornare il piano delle assunzioni, completare le procedure di assunzione già programmate e procedere con nuove assunzioni nel 2018. Non mancano, nella stessa sezione, interventi tesi al miglioramento dell’efficienza del personale e del clima interno degli uffici.

Nell’Area Attività Produttive e Sviluppo Economico, si trova la volontà dell’amministrazione di favorire l’aggregazione sociale intorno al mondo rurale promuovendo le “feste dei prodotti tipici” e la formazione per gli operatori del settore agricolo. Ciò sarà possibile già dall’anno in corso con l’organizzazione del “Festival dell’Agricoltura e dell’accoglienza rurale nell’Agro Pontino” e promuovendo la progettazione e la realizzazione di agriasili, agrinidi e fattorie didattiche, come previsto dal PSR. Per dare spazio alle eccellenze enograstronomiche, nel 2018 il Comune vuole realizzare una Casa dell’Enogastronomia, mentre per promuovere il marketing territoriale dei prodotti enogastronomici, il Comune intende partecipare attivamente alla prossima edizione di “Gastronomica”, il Salone Agroalimentare.

Nella stessa sezione si legge che uno degli obiettivi del Comune è “Chiedere l’assegnazione in comodato gratuito dell’area perimetrale di Al Karama per l’uso e l’autoproduzione di cibo con mezzi sostenibili a favore della comunità”. Nel settore Attività Produttive compaiono anche misure per sostenere l’artigianato, come il “Pronto Intervento Artigiano”, per permettere alla cittadinanza di fascia debole o alle piccole imprese di ricorrere velocemente ad artigiani selezionati. Nel 2016, la Giunta si propone anche di preparare una bozza del nuovo Regolamento per il commercio su aree pubbliche, con il coinvolgimento dei soggetti interessati. Uno degli obiettivi sicuramente più interessanti è il recupero del mercato annonario. Nel 2016 il Comune si propone di avviare i lavori per la messa in sicurezza dell’attuale sede e realizzare uno studio di fattibilità per il recupero della sede originaria di Via Don Morosini. Per il 2017 l’obiettivo è riorganizzare il mercato annonario nell’ambito del programma dei mercati di quartiere e dei mercati a filiera corta/contadini, valorizzando i prodotti tipici del territorio ed il loro consumo in sito, sul modello dei mercati tradizionali dei centri storici europei.

Altro obiettivo ambizioso è il recupero del mercato del martedì, con un progetto di finanza per la ristrutturazione totale del Mercato scoperto in zona R6 e un bando di gara per l’assegnazione in gestione del mercato. Nel 2017 il Comune vorrebbe utilizzare la stessa area per il mercato contadino, da tenersi il sabato o la domenica. Altri obiettivi sono la gestione dell’area EXPO per tenere delle fiere, tra cui “Gastronomica” e il mercato ortofrutticolo.

Sul fronte urbanistico, l’amministrazione Coletta intende dare nuova vita ai PRINT, individuando gli ambiti urbani assoggettabili ad interventi di riqualificazione, a partire dal 2017. Entro il 2017 il Comune intende approvare il nuovo PUA (Piano di Utilizzazione degli Arenili). Infine, è considerato un obiettivo la rivalutazione tecnico-procedurale dei Piani Attuativi recentemente annullanti: entro il 2016 saranno esaminate le problematiche che hanno portato all’annullamento dei Piani Particolareggiati. Anche nel DUP si trova una proposta avanzata nel Consiglio Comunale dedicato alla Ztl: l’approvazione di un piano particolareggiato del centro storico finalizzato principalmente alla tutela dei caratteri della Città di Fondazione, al ridisegno delle percorrenze carrabili e pedonali e alla rifunzionalizzazione degli edifici dismessi e sottoutilizzati, da fare entro il 2018.

Sul fronte del trasporto pubblico, nel DUP viene messo nero su bianco uno degli obiettivi già annunciati da Coletta: aderire a un progetto di trasporto sovracomunale, un ATO.

Non poteva mancare nella sezione dedicata all’Ambiente la volontà di realizzare il Piano per il Decoro Urbano. Tra gli obiettivi, chiaramente, un Servizio di igiene urbana che raggiunga le percentuali di raccolta differenziata stabilite per legge. Come? Riattivando isole ecologiche per rifiuti ingombranti e pericolosi, riattivando l’isola ecologica itinerante, agevolando la vendita dei prodotti “alla spina” (detersivi, olio, vino, ecc.). E ancora, il Comune si propone di: incentivare la raccolta differenziata dei fondi di caffè (e/o altro materiale organico omogeneo) per la produzione di funghi e altri generi alimentari. Tutto questo nel 2016. Nel 2017 Coletta si propone di arrivare all’acquisizione del 100% del capitale sociale di Acqualatina SpA da parte degli enti pubblici dell’ATO 4.

Sul fronte dello Sport, entro il 2016 l’amministrazione punta ad istituire un Museo Provinciale dello Sport, che sarà realizzato nel 2018 e che raccoglierà cimeli, ricordi e testimonianze di almeno 60/70 anni di attività. Sarà un museo permanente dedicato a tutte le discipline sportive e ai rispettivi Campioni nazionali e internazionali.

Per quanto riguarda il Welfare tanti gli interventi che abbracciano tutte le categorie, dalle famiglie in difficoltà, agli immigrati, fino ai padri separati e al contrasto alle violenze di genere. Non mancano interventi di promozione all’educazione alimentare per la lotta all’obesità, promozione dell’attività fisica e sostegno alle iniziative in materia di politica antidroga, antialcool, lotta alle ludopatie.

SHARE