Nautica in crisi, i sindacati scrivono al Prefetto per discutere di Italcraft e Cantieri Rizzardi

di Redazione – I sindacati chiedono l’intervento del Prefetto perché intervenga sulla situazione della Nautica nel Sud Pontino. Nella loro lettera Salvatore Pastore ed Ezio Giorgi, segretari d Feneal Uil e Fillea Cgil fanno esplicito riferimento alla situazione della Nuova Italcraft a Gaeta e ai Cantieri Navali Rizzardi di Sabaudia. I sindacati si dicono preoccupati per le procedure fallimentari delle due aziende e per le ripercussioni che queste stanno avendo sui lavoratori. In primo luogo Pastore e Giorgi ripercorrono la vicenda Italcraft, ricordando al Prefetto il mancato rispetto dell’accordo che la Nuova Italcraft aveva preso con le sigle sindacali. La Nuova Italcraft si era impegnata a riassorbire i dipendenti della vecchia azienda, ma questo non è avvenuto. Per questo è stata chiesta la revoca della concessione all’Autorità Portuale e al Tribunale di Latina, ma nessuno si è pronunciato.

Per quanto riguarda i Cantieri Navali Rizzardi di Sabaudia, i sindacati ricordano come questi fossero stati acquistati nel dicembre 2013 da un’azienda francese che però non ha mai perfezionato l’iter di acquisizione, lasciando la situazione tutt’ora in una fase di stallo. Nel frattempo nella zona occupata dall’ex Cantieri Navali Rizzardi continua la produzione da parte di aziende esterne.

Per questo i sindacati hanno chiesto di incontrare il Prefetto. A lui spiegheranno le loro preoccupazioni per il futuro del settore nautico in Provincia di Latina.

ITALCRAFT, GLI EX OPERAI VANNO IN PROCURA: DALLE ISTITUZIONI NESSUNA RISPOSTA

NUOVA ITALCRAFT, MITRANO ACCANTO AGLI OPERAI CHIEDE LA REVOCA DELLA CONCESSIONE ALL’AUTORITÀ PORTUALE

SHARE