L’Italia si muove ormai solo in caso di allarme o emergenza

di Francesco Miscioscia – In queste ore l’Italia è paralizzata, devastata e inerme di fronte ad un nemico apparentemente invincibile. Non parliamo dell’Isis, né dei tifosi del Feyenoord, ma del maltempo.

E’ disarmante l’impotenza delle istituzioni di fronte a fenomeni atmosferici del tutto normali. In Italia però ogni cosa che si distacca leggermente dall’ordinario diventa allarme emergenza. Questo perché le infrastrutture sono vecchie, obsolete, oppure create senza alcun criterio logico ma solo di convenienza.

In quello che è considerato uno dei Paesi più belli del mondo, culla della cultura e dell’architettura, patrimonio naturalistico, basta un temporale per nascondere tutto questo e far emergere solo i problemi di sicurezza, viabilità. Edifici storici che crollano per effetto di pioggia e vento. E pensare che l’Italia non è soggetta a fenomeni atmosferici di grossa portata come… Continua a leggere su Marketicando 

SHARE
Un uomo con il pallino della comunicazione da sempre. In pratica dal 1981 Fondatore e Presidente della Francesco Miscioscia Adv srl. Oggi consulente strategico e operativo di marketing politico svolge per le aree di gestione e comunicazione un’intensa attività su tutto il territorio nazionale ... Continua a leggere