L’Istituto Comprensivo di Borgo Faiti contro la violenza di genere ed il femminicidio

Alla scuola secondaria di primo grado “Falcone Borsellino e i ragazzi delle scorte” di Borgo Faiti è andato in scena lo spettacolo teatrale “Renata: una storia di violenza”, presentato dalla GKO Company diretta da Vittorio Persi, presso l’auditorium Mario Costa di Sezze. L’iniziativa rientra nella cornice del progetto educativo riguardante i temi di Cittadinanza e Costituzione e nelle attività promosse dalla associazione GKO e dal Centro Donna Lilith.

Le due iniziative, coordinate dalle professoresse Loredana Gallo, Catia Cotesta e Giovanna Viola, sono risultate di grande impatto emotivo e alto valore educativo.

“E’ stato uno spettacolo di grande intensità – hanno commentato gli alunni al termine delle attività -, che ci ha trasmesso un messaggio che tutti abbiamo colto: è importante cambiare la mentalità, secondo la quale l’uomo è più forte e non mostra mai debolezze ed emozioni, ma essi devono “gettare la maschera” e non devono più ritenersi superiori alle donne. Abbiamo Partecipato in gran numero, anche i più piccoli perché “l’inferno” della violenza sulle donne abbia fine”.

“Abbiamo scelto – hanno detto i docenti -, tra le tante proposte, proprio questo spettacolo in quanto riteniamo fondamentale sensibilizzare i più giovani sin da subito alla tematica, perché proprio loro saranno le donne e gli uomini del futuro. Il nostro impegno è quello di educare al rispetto, alla non violenza e alla legalità”.

Il progetto continua con l’iniziativa “Libera l’arte”, ovvero con la produzione di elaborati grafici sul tema della violenza contro le donne. Gli elaborati, condivisi con altri istituti, saranno esposti in una mostra.

SHARE