Latina Smart City, come rendere il centro più vivibile? Le vostre idee per il progetto di 2 giovani studenti

Centro Ztl Latina

Come rendere il centro di Latina più vivibile? È la domanda a cui cercano di rispondere due giovani studenti pontini del Corso di laurea magistrale di ingegneria energetica dell’Università La Sapienza di Roma. Claudio Bilotti e Giorgio Moscato per l’esame di “Smart Cities” devono presentare un progetto per riqualificare e ottimizzare una zona di una città, trovando soluzioni a problemi di ogni genere che i cittadini incontrano quotidianamente.

I due studenti pontini hanno così deciso di focalizzarsi sul centro di Latina, nello specifico sulla zona delimitata dalla circonvallazione (Viale XXI Aprile, Via Alfonso Lamarmora, Piazzale Prampolini, Viale Vittorio Veneto, Viale XVIII Dicembre, Piazzale Gorizia, Viale XXIV Maggio, Viale dello Statuto).

“Riteniamo sia molto importante rendere il centro di Latina il più fruibile e soddisfacente per gli abitanti, senza però trascurare le interconnessioni che esistono con il resto della città” spiegano i due studenti che chiedono l’aiuto di tutti i residenti per rispondere ad alcune domande su un questionario totalmente anonimo.

In questo modo loro potranno raccogliere informazioni sui problemi e difficoltà della città così da avere chiari gli aspetti primari su cui intervenire

“L’obiettivo del nostro lavoro – spiegano – è quello di rendere il centro di Latina più vivibile, aumentare la qualità della vita dei cittadini a partire proprio dalle loro necessità che in qualche modo non vengono ad oggi soddisfatte, per questo è così importante per noi entrare in diretto contatto con loro e venire a conoscenza dei disagi che incontrano”.

Ecco il link per rispondere al Questionario e per dare il proprio contributo al progetto per una Latina Smart City. Un progetto che ai due ragazzi serve per l’esame ma che, secondo noi, può ritornare molto utile alla comunità, ai commercianti e all’amministrazione latinense sempre alle prese con la problematica Ztl.

SHARE