Latina Scalo, Calandrini si oppone alla centrale biogas: non facciamo un’altra Borgo Montello

di Redazione – Il Presidente del Consiglio comunale di Latina, Nicola Calandrini, si oppone fermamente al progetto della centrale biogas a Latina Scalo. “Non sono contrario a prescindere verso questo tipo di impianti” spiega Calandrini ma “consapevole di come una struttura di quel tipo avrebbe ulteriormente aggravato le criticità già insistenti sul quella porzione di territorio, creando un pericoloso contrasto con il rischio, neppure tanto remoto, di produrre nel tempo ricadute forse neppure considerate al momento della valutazione preliminare“.

Il progetto presentato dalla Società Energetica srl, secondo il presidente, non è dettato da una programmaticità e non tiene conto delle conseguenze negative che potrebbe avere sulla vivibilità del cittadini. “A guidare questi processi programmatici dovrebbe essere l’ente comunale e non altri tipi di autorità che impongano questo tipo di servitù. Non vorremmo veder ripetere quanto accade a Borgo Montello dove cittadini ed amministrazione comunale devono subire i provvedimenti regionali di ampliamento della discarica con tutto quello che ne consegue”.

“Impianti di questo tipo – spiega il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia – devono essere inseriti sul territorio con adeguate misure di salvaguardia dell’incolumità dei cittadini, rispettose delle vocazioni economiche della zona, a partire da quelle agricole, e che debbano offrire ricadute occupazionali ed economiche per il comune che le ospita” e questo non è il caso del progetto in questione che è stato prontamente bloccato dal Comune.

SHARE