Latina Calcio: gli imprenditori, il Racing Fondi e i ricatti. Coletta a confronto con i tifosi

Coletta-tifosi-Latina-Calcio

Latina avrà la sua squadra di calcio”, così il Sindaco Damiano Coletta che si è confrontato ieri con i tifosi del Latina Calcio in merito al futuro di una squadra nerazzurra in città. Fuori lo stadio Francioni e circondato da un nutrito gruppo di supporters, Coletta ha tentato di spiegare a che punto è la vicenda. Cordate di imprenditori “scordate”, Racing Roma o Racing Fondi che potrebbero diventare Racing Latina, la situazione non è limpida e i tifosi hanno chiesto chiarezza. E Coletta ha risposto.

In sostanza Damiano Coletta ha spiegato che sul piatto ci sono due possibilità: la cordata di imprenditori di cui si parla ormai da tre mesi, che, ha delle difficoltà, è vero, ma che potrebbe creare una squadra che possa iscriversi al campionato di Serie D. E poi c’è l’opportunità che il Racing Fondi, già Unicusano Fondi, venga a giocare allo Stadio Francioni, in Lega Pro. Ma Coletta ha chiesto garanzie precise all’imprenditore di turno: maglia nerazzurra, stemma con il leone alato, e almeno tre allenamenti a settimana a Latina. E questa persona avrebbe anche accettato. In mezzo ci sarebbero stati tutta una serie di incontri con imprenditori o presunti tali, disponibili a fondare un nuovo Latina Calcio ma con “favori di scambio” o “ricatti”, come li ha chiamati il sindaco.

“È bene che sappiate le difficoltà che ho avuto – ha detto Coletta ai tifosi -, c’è chi viene, mette i soldi e vuole che gli apro la discarica. È bene che sappiate che non si vende niente in cambio di un titolo, prima di tutto viene l’interesse della comunità. Tutti quelli che si sono presentati con progettini come la cittadella dello sport, io li ho messi alla porta. Ritengo che sia giusto così. Se entriamo nei ricatti…”. Ma qui il sindaco è stato interrotto da Massimo Perrone, uno di coloro che effettivamente aveva avuto un colloquio con il sindaco per conto di una società, senza chiedere nulla in cambio, e che pertanto non voleva essere associato ad altri soggetti “scomodi”.

Coletta però ha parlato di ricatto, citando discariche e cittadelle dello sport. Parole pesanti e un clima di interessi che avrebbero potuto compremettere la nascita della nuova società.

Il confronto comunque non ha sciolto i dubbi dei tifosi. Da una parte c’è un progetto che è quello di imprenditori locali che ripartirebbero dalla Serie D, che ripercorre quella che fu la storia della squadra quando ripartì nel 2007, con lo stesso Coletta allora dirigente (e poi lasciò in polemica con Maietta). Questo progetto avrebbe l’ok della Federazione per l’iscrizione in Serie D, ma sconterebbe problemi nell’assetto della governance interna. Dall’altra parte c’è il Racing Fondi che potrebbe venire a Latina e chiamarsi Racing Latina, e ripartire dalla Lega Pro. Ci sarebbe un titolo e un campionato importante per cui correre e il sospetto forte di aver sottratto qualcosa alla comunità di Fondi per poi affibiargli stemmi e maglie nerazzurre. Intanto per iscriversi ai campionati c’è tempo fino ad agosto. Ancora qualche settimana dunque, e la faccenda sarà definitivamente risolta. In un modo o nell’altro.

SHARE