La Regione Lazio abolisce il ticket sanitario: si risparmia su visite specialistiche e tac

Dal 1° gennaio 2017 sarà abolito il ticket sanitario regionale. Un provvedimento che consentirà ai cittadini di risparmiare milioni di euro per visite specialistiche, tac e risonanze magnetiche.

Il ticket regionale è stato introdotto nel Lazio nel 2008 e prevede il pagamento di €4 per una visita specialistica ambulatoriale, €5 per la Fisiokinesiterapia e €15 per Risonanza magnetica e Tac.

Questi costi, totalmente a carico del paziente, saranno aboliti a partire dal nuovo anno con un risparmio calcolato intorno ai 20 milioni di euro per i cittadini laziali.

“La giornata di oggi – ha detto il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in conferenza stampa – è dedicata alla giustizia sociale e segna uno spartiacque nella storia del Lazio”. Il Governatore ha anche spiegato che la Regione ha sottoscritto un verbale con Cgil, Cisl e Uil.

“Dopo tre anni abbiamo raggiunto quello che sembrava un sogno – ha spiegato Zingaretti -. Nel 2008 l’introduzione del ticket fu un duro colpo al tema delle uguaglianze nell’accesso alle cure e nel Lazio aveva creato un sistema folle, con il ticket nazionale e quello regionale che si sommavano e a volte producevano un costo superiori alla prestazione. Oggi i conti sono in ordine e quindi abbiamo voluto dare un segnale di uguaglianza alle persone che hanno diritto di accesso alle cure e non possono essere limitati da vincoli economici- ha aggiunto Zingaretti-. I Programmi operativi che sono al governo contengono molte cose positive ma questo era uno degli elementi più simbolici. Era un segnale forte per dire che si sta cambiando”.

*Foto da Dire

SHARE