La Pontina e la Monti Lepini non più di competenza della Regione: la gestione passa all’Anas

Zingaretti-Delrio-Armani
L'accordo firmato dal Governatore Zingaretti, il Ministro Delrio e il Presidente Anas Armani

La SR 148 Pontina e la 156 Monti Lepini tornano a gestione statale: sarà l’ANAS ad occuparsi delle due arterie che attraversano la Provincia di Latina. Lo ha stabilito una convenzione sottoscritta dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e dal Presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio. L’accordo riguarda quasi 500 km di strade complessive, tra le quali anche la Pontina e la Monti Lepini, che non saranno più a gestione regionale.

L’operazione si inquadra nel piano di riclassificazione che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sta redigendo per una rete strategica di infrastrutture stradali nazionali, che garantisca maggiori collegamenti con i territori.

Con questa convenzione Anas si impegna a fornire i servizi di sorveglianza della rete e primo intervento, manutenzione invernale (trattamenti antigelo e sgombero neve) e manutenzione ordinaria (opere in verde, segnaletica verticale e orizzontale, pavimentazione, barriere e impianti tecnologici).

Analogamente, 500 Km di strade provinciali stanno per essere acquisite dalla Regione Lazio e che richiederanno un impegno importante da parte dell’azienda regionale Astral Spa.

L’intesa tra Regione Lazio e Anas è stata illustrata oggi alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti. L’accordo rappresenta un ulteriore tassello della collaborazione istituzionale tra Regione Lazio e Governo. Un’intesa certificata dallo sblocco di circa un miliardo di euro per le opere strategiche e le infrastrutture viarie e ferroviarie al fine di migliorare la competitività e la sostenibilità del Lazio. Tali risorse derivano da tre fonti principali di finanziamento: Fondo di Sviluppo e coesione, finanziamenti Ministero Infrastrutture e risorse stanziate da RFI, Fondi regionali.

SHARE