La Fiera di San Luca a Sezze, un viaggio nelle tradizioni domenica 16 ottobre

Museo Giocattolo Sezze
Il Museo del Giocattolo di Sezze

L’Antica Fiera di San Luca torna a Sezze. Quest’anno si svolgerà domenica 16 invece che il 18 ottobre, come da tradizione.

Per l’occasione è prevista una programmazione ricca, mirata a riqualificare le due storiche fiere di Sezze (S. Luca e S. Lidano) attraverso edizioni sperimentali.

Da tempo, infatti, l’Amministrazione Comunale è impegnata nella valorizzare il significato storico, culturale e religioso di eventi come questi.

Domenica la Fiera si aprirà con il Campionato Nazionale Cinofilo ANCP, presso il Parco della Rimembranza, promosso dall’Associazione Cinofila Dog City Show di Gigliola Medici, delegata regionale Lazio ANPC e addestratrice. Durante la manifestazione verranno premiate le unità cinofile che hanno operato sui luoghi del terremoto di Amatrice.

Come da programma sono previste anche l’esposizione di animali, a cura di un’azienda agrituristica locale, l’esibizione di gruppi folcloristici, stand fieristici ed enogastronomici, tanta animazione per i più piccoli.

Inoltre per l’occasione, il Museo del Giocattolo di via Umberto rimarrà aperto.

La fiera di San Luca ha origini molto lontane: si trovano riferimenti delle due Fiere storiche già nello Statuto del Comune di Sezze, stampato nel 1547, in cui si spiegano anche leggi, usanze e costumi del medioevo.

Diversi poi sono gli atti ufficiali dell’epoca riguardanti tale fiera: secondo alcuni documenti storici, la Cattedrale di S. Maria sarebbe stata ricostruita sulle rovine di una preesistente chiesa romanica, molto probabilmente dedicata a S. Luca ”antico evangelizzatore” di Sezze.

Anche la località Zoccolanti, dall‘immediato dopoguerra, cominciò a festeggiare la tradizionale fiera del bestiame, il 18 ottobre, durante la quale i setini acquistavano il maiale da allevare fino a natale e macellare alla Befana.

SHARE