Ipab Santissima Annunziata, dossier all’Anticorruzione. Dubbi sulla precedente gestione

di Redazione – Si allungano ombre pesanti sulla gestione dell’Ipab Santissima Annunziata. A denunciare episodi anomali sono stati il presidente Piero Bianchi e il direttore Giovanni Caprio. In occasione della seconda gioranta della trasparenza indetta al teatro Remigio Paone di Formia l’attuale dirigenza dell’ente nato per scopi di beneficienza ha tracciato il bilancio di cinque anni di attività. Tra le note positive senz’altro la valorizzazione dell’ente che oggi dispone di tre siti internet, oltre ai tanti buoni risultati raggiunti sul fronte del welfare e della cultura, con l’esempio eclatante di quanto si svolge al Teatro Remigio Paone gestito proprio dall’Ipab.

Ma poi sono seguite le note negative, raccolte in un dossier spedito al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e al Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone. Il magistrato dovrà accertare diverse irregolarità relative alla precedente gestione di Raniero De Filippis. Si va da anomalie sul conto corrente fino agli acquisti di terreni utilizzando finanziamenti destinati ad altro. Ma sorgono sospetti anche sui lavori per il recupero dell’ex convento dell’Annunziata di Gaeta e sulla mancata restituzioni di alcuni beni immobili da parte dell’arcivescovo di Gaeta, solo per citarne alcuni.

Su tutte queste questioni, Bianchi aveva sollecitato invano il Cda affinché desse spiegazioni. “Dal 2010 al 2013 – ha detto il direttore Caprio – c’era un meccanismo accentrato della gestione nelle mani del presidente. Da un anno e mezzo ho avuto l’incarico di responsabile per l’anticorruzione ed ho cercato di mettere in piedi una serie di attività di contrasto come appunto i siti per una maggiore trasparenza, ed ho cominciato a recuperare le carte e a esaminarle”.

Il risultato è che adesso ne sarà interessata direttamente l’autorità Anticorruzione. Nel frattempo il Governatore Zingaretti potrebbe commissariare l’ente e affidarlo all’ex sindaco di Itri, Giovanni Agresti.

SHARE