Il territorio attraverso il vino, presentato a Sabaudia “Viaggi nell’Agro Pontino. Vita, vitis, vinum”

Viaggi-nell-agro-Pontino

di Simone Tosatti – Buona partecipazione di pubblico a Sabaudia per la presentazione del libro “Viaggi nell’Agro Pontino. Vita, vitis, vinum” organizzata presso la Corte Comunale nell’ambito della rassegna editoriale Libri nel Parco. Tra le mura del palazzo civico è stato presentato il libro di Antonio Scarsella e Mauro D’Arcangeli pubblicato dalla Atlantide editore di Dario Petti, presente anche lui all’incontro moderato dalla giornalista Claudia Borsari.

“Il libro ha l’ambizione di raccontare il territorio pontino e il mondo circostante, con «occhi nuovi», come dice Proust, che vanno alla ricerca di quei «fili» che uniscono il tempo e lo spazio alla ricerca di quella identità ed unicità che questo nostro territorio troppe volte ha visto negata”, così gli autori nel corso della presentazione.

Il romanzo di Scarsella e D’Arcangeli, il primo ex sindaco di Sermoneta, il secondo direttore di Confagricoltura Latina, prende le mosse dal sito archeologico di Satricum dove Peter von Goethe, lontano discendente immaginario del grande scrittore tedesco, insieme alla sua collega olandese Clem, entrambi docenti universitari di storia antica, iniziano il loro viaggio lungo i sentieri dell’Agro Pontino, seguendo illustri e antiche orme, dove il filo conduttore è il vino, secolare eccellenza, linfa vitale di queste terre che lo producevano già duemila anni orsono e, ancora oggi, elemento importante della nostra identità. Il vino come sublimazione del rapporto dell’essere umano con il territorio e il paesaggio, sia dal punto di vista dell’appartenenza e del radicamento che della sua trasformazione, della mobilità degli uomini e delle idee. Un legame fatto dell’ancestrale vincolo tra uomo e natura e, in questo senso, i viaggi qui raccontati sono prima di tutto frutto di un percorso interiore, che dal territorio in cui vivono prendono vita ma che, inevitabilmente, finiscono per andare oltre fino ad appartenere a tutti e a tutti i luoghi. Nel libro, al termine del racconto, sono riportati i vitigni, i vini antichi e quelli che oggi vivono nelle Cantine della nostra Provincia, una utile mappatura per i tanti estimatori del nettare di Bacco.

“Anche se siamo abituati a fare i bilanci alla fine, possiamo ritenerci molto soddisfatti del successo riscontrato finora, – fa sapere Ilaria Pallocchini, Presidente di Sabaudia Culturando – La Rassegna Libri nel Parco si propone di promuovere la lettura in un ambiente incontaminato, quello che noi consideriamo un po’ come uno degli elementi identificativi di Sabaudia”.

I prossimi appuntamenti, fino alla chiusura della Rassegna letteraria del 2017, si terranno a partire dalle 19 ancora presso la Corte Comunale di Sabaudia.

* Simone Tosatti è corsista del workshop in Giornalismo Digitale organizzato da Net in Progress e LatinaQuotidiano.it

SHARE