Il PD si spacca sull’Urbanistica, polemiche dopo la mozione bocciata in Consiglio

di Massimo Guida – C’è tensione nel PD dopo il Consiglio Comunale di venerdì in cui la maggioranza ha respinto la mozione dell’opposizione per sospendere i piani particolareggiati. Il primo ad alzare la voce, nei giorni scorsi, era stato Giorgio De Marchis che ha contestato il testo presentato dal suo gruppo. “Un documentino di una ventina di righe, il classico compitino dello studente impreparato, un sunto delle dichiarazioni rilasciate alla stampa dal Sindaco e nulla più”, così si è espresso De Marchis sul suo blog. “Dovevamo segnare un rigore a porta vuota e lo abbiamo sbagliato”, incalza ancora l’ex capogruppo, secondo il quale il PD avrebbe avuto gioco facile se avesse scritto una mozione diversa, e se in Consiglio avesse condotto un dibattito migliore.

Le sue dichiarazioni non sono piaciute affatto al capogruppo Alessandro Cozzolino. “Le parole di De Marchis mi lascerebbero stupefatto se non sapessi che fanno parte del suo solito, vecchio e ormai logorato copione”, così inizia la replica di Cozzolino. Il capogruppo argomenta che, nelle riunioni precedenti il Consiglio Comunale, De Marchis non aveva mai espresso obiezioni al testo della mozione. Anzi, De Marchis avrebbe chiesto una piccola modifica, inserita nel testo. “Dal Consiglio Comunale è andato via tre ore e mezza prima delle fine, e poi dobbiamo leggere quelle parole sui giornali solo perché necessarie alla sua esigenza di visibilità”, continua il capogruppo dem. La discussione si sposterà presto in segreteria, dove si tenteranno di ricucire gli strappi anche in vista delle elezioni del 2016.

Non si fa attendere la controreplica di De Marchis, che spiega come era d’accordo sul testo della mozione fino alla mattina del Consiglio Comunale, quando le dichiarazioni di Michele Civita sulla necessità di sospendere i piani hanno cambiato le cose. Per questo ha chiesto, senza ottenerle, modifiche al testo da presentare in Consiglio. E a proposito di elezioni, De Marchis è pronto a scendere in campo: “Sfido Cozzolino alle primarie, nessuno potrà impedirmi di candidarmi”.

SHARE