Il mio regno per un avvitatore

donazione-trapano
Il Rotary Club di Latina ha donato un trapano al Comune

“Parigi val bene una messa”, così Enrico IV si fece da ugonotto a cattolico-romano.
“Un cavallo! Un cavallo, il mio regno per un cavallo” gridava Riccardo III di William Shakespeare.

Una messa, un cavallo e la Storia, il teatro lo ricordano, lo segnano. Queste frasi insegnano ma, ma… per un trapano elettrico (pure avvitatore), per tre (mica uno) dicasi tre decespugliatori vuoi non fare una foto, un tributo d’onore, una ode di comunicato stampa? I tempi cambiano e alla pazienza per la predica del sacerdote, alle orazioni e alla comunione si sostitusce un trapano avvitatore (ma di che marca?), il rumore della punta al canto gregoriano e i decespugliatori sono meglio di un cavallo, ma “il mio regno per un avvitatore” suona male, male. Anzi, fa ridere.

Ps: a caval donato non si guarda in bocca, ma almeno fatte donà la biada e non un filo d’erba. Un dubbio: ma in Comune a Latina non ci sono 49 euro (se Black & Decker 79,90) per un avvitatore?

SHARE