Comitato Latina Centro snobbato ancora da Coletta: bocciato il progetto per il bando regionale

Centro Ztl Latina

Il progetto Latina Centro ammesso dal Comune di Latina per partecipare al bando Regionale sulle “Reti di impresa tra attività economiche su strada” è stato poi bloccato dalla stessa giunta che lo aveva approvato.

Così il Comune di Latina nega al Comitato di presentare il progetto perché ritenuto troppo simile a quello dell’Ascom rispetto al quale ha ottenuto in una riunione di Commissione presieduta da Ventura Monti un punteggio più basso.

“Ci chiediamo – scrive il Comitato -, e chiediamo ai cittadini tutti, se è normale che un’associazione di commercianti che raggruppa la quasi totalità degli esercenti del centro storico (110 iscritti) debba trovare sempre un muro di gomma quando tenta di rapportarsi in modo propositivo con l’Amministrazione della propria città”.

“Abbiamo presentato un programma per la rivitalizzazione del Centro Storico per contribuire alla crescita dello stesso, cosi come prospettato dal candidato Sindaco Damiano Coletta in campagna elettorale – continuano -, ma non siamo mai stati interpellati. Abbiamo presentato un piano per l’organizzazione di un Natale fiabesco per la nostra città ma pur protocollando varie richieste non abbiamo mai avuto risposta. Abbiamo richiesto a voce e per iscritto incontri con Assessori sempre senza ottenere risposte… ora anche questa pasticciata storia del progetto sulla rete di impresa”.

Alla luce dei fatti evidenziati dall’Operazione Olimpia, Latina Centro si chiede se la commissione presieduta da Monti, arrestato lo scorso 14 novembre e sospeso dal suo ruolo dirigenziale proprio da Coletta, possa essere considerata attendibile.

“Ci chiediamo – concludono -, e chiediamo all’amministrazione, quando sono stati presentati alla Regione Lazio i progetti di risposta al bando sopra citato visto che ci risulta temine ultimo per la presentazione degli stessi le ore 12 del 15 novembre e la nostra revoca risulta dello stesso giorno (anche se pubblicata sull’albo pretorio del comune il 22 novembre). In attesa di risposte dall’Amministrazione abbiamo predisposto un accesso agli atti amministrativi per cercare di fare luce sull’intera questione”.

SHARE