I tifosi olandesi hanno messo a nudo i problemi dell’Italia nella gestione dell’ordine pubblico

di Francesco Miscioscia – Dalla vicenda che ha visto protagonisti i tifosi olandesi del Feyenoord, che hanno fatto razzie nelle strade del centro storico di Roma, l’Italia ne esce a pezzi sia dal punto di vista del danno al patrimonio storico-artistico, che da quello politico-istituzionale.

Un Paese, il nostro, in queste ore minacciato anche dall’Isis, che non riesce a prevedere nessuna minaccia. Si agisce solo in caso di emergenza e vengono impiegati uomini e mezzi solo quando è troppo tardi ed il danno è diventato irreparabile. Nel caso specifico degli atti vandalici da parte degli ultras ospiti, in occasione della partita di Europa League, le avvisaglie allarmistiche si erano avute già nei giorni precedenti, ma ancora una volta sia il prefetto che il ministero dell’Interno non sono stati capaci di fronteggiare la situazione. Purtroppo, soprattutto a Roma, negli ultimi anni abbiamo assistito più volte a comportamenti non adeguati da parte di chi gestisce le forze dell’ordine, con disordini avvenuti sia in concomitanza di eventi sportivi che di manifestazioni di protesta.

La sconfitta per l’Italia è anche di carattere politico. Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha proposto… Continua a leggere su Marketicando

SHARE
Un uomo con il pallino della comunicazione da sempre. In pratica dal 1981 Fondatore e Presidente della Francesco Miscioscia Adv srl. Oggi consulente strategico e operativo di marketing politico svolge per le aree di gestione e comunicazione un’intensa attività su tutto il territorio nazionale ... Continua a leggere