Gianfranco e Marco sposi, Coletta celebra la prima unione civile di Latina

unione gay latina

Gianfranco Camilli e Marco Emanuele Fanelli hanno detto sì. Si tratta della prima unione civile celebrata a Latina dopo l’approvazione della Legge Cirinnà.

Ad officiare l’unione, storica per il capoluogo pontino, il sindaco Damiano Coletta e una testimone d’eccezione, l’amica della coppia Rosa Giancola, consigliera regionale del PD.

unione_civile_ponzaQuella di Gianfranco e Marco è la prima unione gay di Latina e la seconda in provincia: sabato scorso il sindaco di Ponza, Piero Vigorelli, ha celebrato l’unione tra Beniamino Mazzella, 54 anni, e Nino Pizzella, 49.

Nel 2014 il Consiglio comunale di Latina aveva votato un sub emendamento per impegnare il Parlamento a legiferare in materia di diritti civili sulle coppie di fatto. Lo aveva fatto a seguito della richiesta di Antonio Garullo e Mario Ottocento di riconoscere il loro matrimonio celebrato in Olanda 12 anni prima. Quell’atto fu solo formale perché, di fatto, nulla è cambiato allora e gli uffici comunali avevano respinto nuovamente la domanda (la prima richiesta era stata formulata dalla coppia nel 2004). Questo dopo aver demandato la questione al Governo “per un eventuale trascrizione qualora la norma giuridica lo consenta” e dopo il parere dell’ufficiale di Stato Civile che dichiarava “la trascrizione contraria all’ordine pubblico”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

*Foto di Federica Reggiani da Facebook e dal sito del Comune di Latina

SHARE