Futuro di Latina Ambiente, Creo e Fragiotta in linea con il PD: “Rinvio incomprensibile”

di Redazione – La questione del dopo Latina Ambiente continua a tenere banco nella politica di Latina, anche dopo il Consiglio Comunale di lunedì. In quella sede non era stata bocciata solo la mozione del PD che chiedeva l’apertura di una gara pubblica per l’affidamento del servizio, ma non era passata neppure una proposta simile a firma di Paolo Fragiotta e Bruno Creo. I due ex Pdl, ora indipendenti, avevano proposto una gara pubblica, l’impegno per la ditta vincente ad assumere i dipendenti di Latina Ambiente, e chiedevano anche soluzioni per raggiungere una percentuale di raccolta differenziata pari al 100%. In una nota i due hanno spiegato il senso della loro mozione e l’intesa trovata con il PD. “Lo scopo, come è evidente, è quello di ottenere un servizio di qualità con una significativa riduzione della tassa a carico dei cittadini. Rimaniamo convinti della validità della proposta presentata e pensiamo sia stato giusto metterci (come suol dirsi) la faccia, senza nascondersi ,come spesso accade, dietro sterili logiche di appartenenza e di rinvii strategici”, scrivono.

Passano dunque ad attaccare la maggioranza che invece ha preferito rinviare la questione del dopo Latina Ambiente a successivi Consigli Comunali. “Un rinvio incomprensibile – lo definiscono Fragiotta e Creo – dato che è noto a tutti da oltre 15 anni che il 31 dicembre 2015 scade la Convenzione per l’affidamento dei servizi alla Latina Ambiente e che pertanto il Comune di Latina avrebbe dovuto dotarsi per tempo di un nuovo sistema per la gestione dei rifiuti”. La loro proposta comunque rimane agli atti, ma attendono quella dell’Amministrazione. “Auspichiamo – concludono – che l’istituzione Consiglio Comunale, al netto di ogni pur utile contributo esterno, sia capace di riaffermare in pieno il ruolo centrale che gli compete nel fornire gli indirizzi politici di governo della città, dando risposte chiare ai cittadini di Latina con una sensibile riduzione della tassa sui rifiuti”.

SHARE