Forza Italia difende le scelte sull’Urbanistica: dalle varianti solo benefici

di Redazione – Se dopo il sequestro del cantiere di Via Piave il PD si è spinto a chiedere le dimissioni del sindaco Di Giorgi, Forza Italia invece difende le varianti ai piani particolareggiati. Con una nota gli azzurri si schierano accanto al Primo Cittadino per le sue scelte sull’Urbanistica. In particolare, ci tengono a ricordarlo, quei piani dovevano essere rivisti da almeno 30 anni, ed erano tra gli obiettivi che si erano posti il sindaco e la maggioranza. Forza Italia ha voluto difendere anche i benefici della perequazione: “Con i piani particolareggiati adottati nei prossimi anni ci saranno a disposizione della collettività oltre 42 ettari di superfici pubbliche, pari ad un valore stimato di circa 60 milioni di euro”.

Infine, Forza Italia replica alle opposizioni che spesso hanno lamentato di essere state escluse dai piani della maggioranza sull’Urbanistica, con decisioni prese dalla sola Giunta. “Quest’amministrazione non ha mai avuto difficoltà o tentennamenti a portare in Consiglio Comunale atti di pianificazione – si legge nella nota – basti ricordare il piano degli impianti sportivi in zona agricola, il piano campeggi, il piano di utilizzazione degli arenili, il piano R/0 e il piano artigianale di Borgo Piave. Ad ogni modo, Forza Italia non intende nascondersi e così chiude la sua nota: “Rivendichiamo la paternità politica dei piani urbanistici di revisione , unitamente a tutta la maggioranza”.

VIA QUARTO E VARIANTE MALVASO, DI GIORGI E LA ROSA CORRONO AI RIPARI E DISPONGONO ACCERTAMENTI

VARIANTE MALVASO, IL NIPAF SEQUESTRA IL CANTIERE DI BORGO PIAVE

SHARE