Formia: seminari, flash mob e sfilate per la giornata contro la violenza sulle donne

scarpe-rosse-violenza-contro-donne
Le scarpe rosse, simbolo della violenza contro le donne

“Farfalle libere: da queste profonde ferite usciranno farfalle libere”. E’ il nome dato a una serie di eventi organizzati a Formia, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ancora una volta la delegata alle Pari Opportunità, Patrizia Menanno, insieme all’assessore ai Servizio Sociali, Stefania Valerio scendono in campo per educare studenti e studentesse al tema della violenza.

Invito le vittime di abusi a non avere paura – ha sottolineato con forza Patrizia Menanno – a denunciare qualsiasi forma di violenza anche se piccola, prima che si trasformi in un’aggressione.”

Un messaggio dunque chiaro quello che verrà trasmesso durante l’intera manifestazione di sabato 25 novembre. Il programma si articolerà in tre fasi.

Nella prima parte, a partire dalle 9, ci sarà un flash mob in piazza della Vittoria. L’iniziativa, organizzata da Amnesty International, vedrà la partecipazione di delegazioni straniere provenienti da Grecia, Lituania, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Turchia aderenti al progetto Erasmus + KA2 dal titolo Multiculural Comunication: Breaking Stereotypes dell’istituto comprensivo Dante Alighieri.

Seguirà alle 10, presso la Sala Ribaud del Comune, il seminario con i rappresentanti di Amnesty International, del Centro Antiviolenza Veronica De Laurentis di Formia, e dell’Associazione “Nero Luce Made in Rebibbia.”

Alle 11.30 invece alcune modelle indosseranno gli abiti realizzati dalle detenute del Carcere di Rebibbia. Una sfilata che vuole mostrare oltre al segno della violenza anche il momento di liberazione e di rinascita dopo quel brutale atto.

Arricchiranno la manifestazione le letture tematiche dell’attrice Carmen Rota e l’intermezzo musicale del cantautore Donato Rivieccio. Imperdibile inoltre la mostra fotografica nei locali della Corte comunale e l’esposizione di alcune opere tematiche dell’associazione Arte e Mestieri.

SHARE