Fazzone assolto: per il Tribunale non fece raccomandazioni al manager Asl

Claudio Fazzone
Claudio Fazzone

Il Senatore Claudio Fazzone è stato assolto dal processo che lo vedeva imputato per presunte raccomandazioni fatte al direttore della Asl Benito Battigaglia. I fatti risalgono al 2003. Nel 2011 Claudio Fazzone, evidentemente convinto della propria innocenza, ha rinunciato alla prescrizione. Ieri il Tribunale di Latina ha stabilito che “Il fatto non sussiste”.

Fazzone finì indagato in quanto segnalò all’allora direttore della Asl di Latina, Benito Battigaglia, alcuni candidati che avevano preso parte al concorso di radiologia. Le raccomandazioni o presunte tali erano avvenute su una serie di lettere che iniziavano tutte con “Caro Benito”, scritto a mano. “Caro Benito” è il nome che ha preso questo processo per gli addetti ai lavori.

Sulla sentenza si è pronunciato Pino Simeone. “Il tempo è galantuomo, la cagnara di avvoltoi prevenuti si infrange nella verità. Anche i giudici del tribunale di Latina hanno riconosciuto quel che è stato palese a tutti i cittadini della provincia di Latina – ha commentato il consigliere regionale di Forza Italia – e cioè che l’ ‘affaire Battigaglia’ era solo una montatura. Era un palazzo di carta a servizio di un moralismo peloso e povero di idee”.

“Personalmente sono sempre stato vicino al senatore Fazzone, non ho mai avuto alcun dubbio sulla sua correttezza, e oggi sono felice che la vicenda si sia conclusa nell’unico modo in cui si poteva concludere – ha continuato Simeone – che è l’assoluzione piena per non aver commesso i fatti contestati. Questa vicenda è un monito ai tanti virtuosi senza virtù. Ora si deve tornare alla politica seria che è quella di dare risposte ai cittadini e non seguire fantasmi inventati. La politica non si fa nelle aule dei tribunali ma tra i cittadini, tra le persone, dove il senatore Fazzone è sempre stato”.

SHARE