Ex M5S contro il progetto del porto turistico di Tiero, interrogazione di Vacciano e Simeoni: non è realizzabile

di Redazione – I senatori ex Movimento 5 Stelle, Vacciano e Simeoni, non sono d’accordo con le affermazioni del vicesindaco Tiero sulla realizzazione di un porto turistico sul litorale pontino dal lato Foce Verde e presentano un’interrogazione al Senato. Tiero, che ha anche la delega alla marina, ha esposto un progetto molto ambizioso sul porto di Latina, ma secondo gli ex grillini questo non è realizzabile per la “questione nucleare”. “Da progetto – spiegano i senatori Giuseppe Vacciano e Ivana Simeoni -, il porto sorgerebbe tra la centrale di Borgo Sabotino e il tratto di mare dinnanzi alla stessa dove ancora scorrono sul fondale i tubi di scarico a mare che, tuttavia, non sono stati rimossi con lo smantellamento del pontile”. Questi tubi non si possono toccare perché, si legge nelle prescrizioni ministeriali per il rilascio della Valutazione di impatto ambientale propedeutiche al decommissing, “le le attività di riduzione dell’impianto non devono in alcun modo coinvolgere le opere a servizio della Centrale realizzate a mare”.

Oltre al problema del nucleare, gli ex  grillini indicano altri ostacoli al progetto come lo studio Eurosion sul fenomeno dell’erosione costiera o la presenza di Siti di Interesse Comunitario (SIC). “Il progetto presentato da Tiero – scrive il M5S – è un’azione di mera propaganda politica tesa ad illudere i cittadini che confidano, invece, in un reale, sostenibile e continuativo rilancio occupazionale e turistico della città di Latina”.

SHARE