Erosione delle coste, appello di Di Cocco: senza interventi si rischia il tracollo

erosione-coste-Latina

Il fenomeno dell’erosione delle coste sta diventando sempre più preoccupante sul lido di Latina. L’ennesimo allarme arriva da Gianluca Di Cocco, ex assessore al turismo, candidato al consiglio comunale nella lista Cuori Italiani, e operatore della Marina.

“Una problematica, quella dell’erosione, che vado a risollevare, una situazione che non è solo sotto ai miei occhi, tantissimi operatori della Marina, tantissimi cittadini, tanti esponenti politici, si sono resi conto del dramma. Altri forse invece, fanno finta di non vedere e non vorrei, ma non voglio pensarlo, che fosse proprio la loro intenzione, veder soccombere le tante attività presenti lungo la costa”, così Di Cocco in una nota.

L’ex assessore vuole che sia chiamato in causa direttamente il Governatore Zingaretti per il ripascimento delle coste, e chiede anche di sapere che fine ha fatto una delibera che prevedeva uno stanziamento ad hoc per risolvere il fenomeno.

“Allo stato attuale – prosegue Di Cocco – e se non s’interviene immediatamente, tanti stabilimenti balneari, la prossima stagione estiva, non saranno messi neanche in una condizione minimale, per installare ombrelloni nella striscia di spiaggia a loro assegnata, altroché ritiro della concessione… Il rischio di tracollo economico – conclude – è alle porte, servono interventi concreti e non le solite menate”.

Effettivamente nei giorni scorsi il Comune di Latina ha dichiarato decaduta la concessione dello stabilimento Lido Nautilus. Ma la stessa determina precisava che la società che gestiva il tratto di spiaggia non ha potuto iniziare l’attività estiva in quanto il fenomeno di erosione delle coste ha compromesso l’intera stagione.

SHARE