Draghi segna la strada per la ripresa: ora il Governo non si perda in chiacchiere

di Francesco Miscioscia - Il Quantitative easing lanciato dalla Bce appena due giorni fa sta già dando i suoi frutti. Il programma di acquisti di titoli pubblici, presentato da Mario Draghi, sta avendo effetti positivi sia sulle borse che sui titoli di Stato.

Questa mattina lo spreat tra i Btp e i Bund tedeschi è sceso a 84 punti base, ai minimi da settembre del 2008. Il rendimento dei titoli italiani è all’1,04%. Effetto positivo anche per la Spagna, con spread a 87 punti e Bonos che rendono all’1,06%.

Mario Draghi ancora una volta si dimostra grande conoscitore della finanza, riuscendo con provvedimenti mirati e decisi a limitare i danni di una crisi tremenda prima, e a dettare la strada per la ripresa poi.

Ovviamente le misure della Bce da sole non possono da sole risollevare le sorti degli stati dell’Eurozona, ma crea sicuramente una buona base di partenza per fornire ai governi nazionali le condizioni migliori per poter intervenire.

Staremo a vedere se la riforma del lavoro e la legge di stabilità varate da Renzi riusciranno a far crescere il Paese e, soprattutto, ad attirare… Continua a leggere su Marketicando

SHARE