Corridoio Roma-Latina, Fautilli vuole certezze sui tempi e interroga il Ministro Lupi

di Redazione – Il caso dell’autostrada Roma-Latina viene portato in Parlamento. È il deputato pontino Federico Fautilli a interrogare il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, presieduto da Maurizio Lupi, circa il rispetto del cronoprogramma per la realizzazione dell’arteria. Nel testo dell’interrogazione l’esponente del gruppo Per l’Italia – Centro Democratico, scrive che l’opera ha attraversato un complesso iter burocratico, e si è scontrato con chi invece ne teme l’impatto sul territorio e preferirebbe limitarsi alla messa in sicurezza della Pontina.

La sola messa in sicurezza della Pontina non risolverebbe, tuttavia – si legge nell’interrogazione – le criticità che esistono da anni , non porterà ad una riduzione del traffico sul Gra di Roma, mentre l’attuale progetto, grazie ad una serie di svincoli tra la nuova autostrada e l’Ostiense, la Cristoforo Colombo e la Roma Fiumicino, permetterà di fluidificare il traffico in entrata a Roma”. Fautilli si dice certo che la Roma-Latina migliorerebbe la viabilità non solo nel territorio pontino ma in tutto il Lazio. Nel testo vengono anche citate la Pedemontana di Formia e i ritardi nell’adeguamento della Ss 156 dei Monti Lepini. Infine viene chiesto al ministro competente di fornire indicazioni precise che confermino il cronoprogramma per la realizzazione del Corridoio Tirrenico e della Pedemontana di Formia, e di interessarsi dei lavori sulla SS 156, “Tutte infrastrutture strategiche necessarie per il rilancio e la crescita della provincia di Latina e di tutto il Lazio”, conclude Fautilli nel testo dell’interrogazione.

CORRIDOIO ROMA-LATINA, LA GARA PUÒ PROCEDERE: RESPINTO IL RICORSO DELL’ANCE-ACER LAZIO

CORRIDOIO ROMA-LATINA, SLITTA AL 27 FEBBRAIO L’APERTURA DELLE BUSTE

SHARE