Consiglio Provinciale, approvato il bilancio. Verso il rilancio dell’ex Rossi Sud

Provincia di Latina
Provincia di Latina

Bilancio ed ex Rossi Sud, di questo si è parlato nel Consiglio Provinciale andato in scena stamattina. Convocato dalla Presidente Eleonora Della Penna, sono stati approvati all’unanimità tutti i punti all’ordine del giorno. Il primo punto è stato relativo al bilancio di previsione anno finanziario 2016 e triennale 2016 – 2018, nelle risultanze e nei contenuti della precedente deliberazione (n. 16 del 25 luglio 2016).

Il consiglio ha poi adottato il documento: “Schema di Piano Territoriale Generale Provinciale” (PTPG), composto dai seguenti elaborati: Aggiornamento statistico delle Relazioni dello Schema del PTPG della Provincia di Latina (ASR); Norme tecniche di attuazione (NTA); Tavola strutturale di Indirizzo SI01- Rete Ecologica e Ambiti di Paesaggio; tavola strutturale SI02 – Disegno Programmatico Strutturale; Rapporto Ambientale per la Valutazione Ambientale Strategica. “Un atto che mette fine al lungo travaglio di rinvii e di aggiornamenti che sono durati più di dieci anni”, ha evidenziato la Presidente Della Penna.

Si è passato poi al regolamento per l’uso temporaneo dell’edificio di proprietà della Provincia di Latina denominato complesso espositivo ex Rossi Sud.

“In tale contesto operativo – ha ribadito il Presidente Della Penna – la valorizzazione e il riutilizzo funzionale di questo complesso immobiliare assume un ruolo centrale per la strategia di rilancio della competitività socio-economica del territorio provinciale, soprattutto della piccola e media impresa vera dorsale di sviluppo del sistema economico locale.”

“Per proseguire questi obiettivi – ha sottolineato sempre Della Penna – si è reso necessario individuare uno strumento regolamentare che disciplini i criteri (anche di compartecipazione alle spese) e le modalità per la concessione in uso temporaneo dei locali e degli spazi presenti all’interno di questo complesso immobiliare.”

“L’utilizzo di tale struttura – hanno commentato Il consigliere Vincenzo Giovannini e il vice presidente Giovanni Bernasconi -, oltre a garantire che non vada in decadenza, permette un vero proprio rilancio della struttura stessa, con eventi e manifestazioni rilevanti, e quindi un rilancio economico per il territorio, oltre alla visibilità delle imprese”.

Infine, facendo seguito ad accordi tra la Regione Lazio, le Province della regione e Roma Capitale, si è stabilito che per i controlli in materia di agricoltura, caccia e pesca, verranno utilizzati gli ex agenti provinciali, attualmente assegnati alla Regione Lazio con funzioni non fondamentali. La Provincia applica così il DGR n. 414/16 approvando l’intesa sul Programma Operativo e lo schema di convenzione concernente fini, attività, durata, dell’attività di vigilanza.

SHARE