Confartigianato contro il pagamento del Sistri: è un sistema inutile

di Redazione – La Confartigianato di Latina tramite il suo direttore Ivan Simeone si schiera contro il pagamento del Sistri. Si tratta del sistema di tracciabilità dei rifiuti istituito dal Ministero dell’Ambiente nel 2009 e mai entrato pienamente in funzione. L’attuale Ministro, Gian Luca Galletti, si era espresso a favore del superamento di questo sistema. Peccato, fa notare Confartigianato, che il Decreto Milleproroghe obblighi le imprese a pagare il contributo entro febbraio. Ed entro il 30 aprile deve essere pagato l’importo del 2015.

Insomma, le imprese dovranno continuare a pagare per un sistema che non solo non è stato mai operativo, ma che a breve andrà già in pensione. “Se il Governo ha compreso l’inutilità di questo sistema, non obbligando più le imprese a servirsene non rinunzia, però, a pretendere i soldi dalle imprese a fronte di un servizio inesistente”, si legge nel comunicato di Confartigianato. Già nel 2010 e 2011, sottolinea Ivan Simeone, le imprese pagarono il contributo privandosi così di importanti risorse nel momento in cui la crisi picchiava più duro.

Confartigianato Latina chiede infine che sia corretto questo sistema di tracciabilità dei rifiuti e conclude la nota con un grido di appello: “Non si può continuare a vessare le piccole attività d’impresa!!!”

SHARE