Commissariato il PD di Priverno, adesso il partito lo regge Maurizio Mansutti

di Giusy Cavallo – Alla fine il direttivo provinciale del PD ha deciso per il commissariamento del partito a Priverno. Dopo i fatti che hanno portato prima alla sfiducia al sindaco Delogu e poi allo scioglimento del Consiglio comunale, questa presa di posizione sembrava l’unica cosa da fare per democratici.

Quindi oltre al commissario prefettizio Andrea Polichetti, che fa le veci del sindaco fino alle prossime elezioni provinciali, ci sarà un altro commissario: quello che traghetterà il PD fino al prossimo congresso (anche se ne era tenuto uno nemmeno 2 mesi fa).

Sarà Maurizio Mansutti, consigliere comunale a Latina, a reggere il partito a Priverno e con lui Vincenzo Giovannini, vice segretario del PD provinciale, e l’ex segretario di circolo di Priverno, Giuseppe Ronci, come sub commissari.

Nel direttivo del PD, però, si è anche discusso delle dimissioni del segretario provinciale La Penna. A molti non è piaciuto il modo in cui il segretario ha gestito (o meglio non ha gestito) la situazione a Priverno e a chiedere la sua testa c’era anche un’esponente importante come Sesa Amici. Alla fine però si è giunti a un accordo e la mozione ha avuto più voti contrari che a favore. Per ora il protetto di Claudio Moscardelli rimane al suo posto.

PRIVERNO, CRONACA DI UNA CRISI ANNUNCIATA. RONCI RICOSTRUISCE I FATTI CHE HANNO PORTATO ALLA SFIDUCIA

SHARE