Cisterna, UdC replica agli abbandoni di Lucarelli e Cassetti: il partito usato come taxi

di Redazione – L’Udc di Cisterna ha perso due esponenti, Tonino Lucarelli e Alfredo Cassetti. Il primo ha aderito al Nuovo Centrodestra, l’altro si è dichiarato indipendente. A loro ha voluto replicare il neo segretario del partito di Casini, Felice Paliani. “Ci amareggia e non poco l’atteggiamento manifestato pubblicamente dai consiglieri comunali Cassetti e Lucarelli, non fosse altro perché evidenzia le velleità personali di chi proprio non riesce a perdere il vizio di usare i partiti come taxi”. Nelle parole del leader dei centristi si lascia intendere che entrambi i dissidenti abbiano utilizzato il partito e la carica ottenuta per raggiungere scopi personali. “L’Udc non intende la politica come mezzo ‘proprio’ per ottenere – prosegue Paliani – la nostra intenzione da sempre è quella di ‘poter condividere’. Il concetto è semplice, eppure per qualcuno è difficile da metabolizzare”.

In ogni caso non è in discussione il sostegno a Eleonora Della Penna. Ma il partito rimane con un solo consigliere e un assessore, Teseo Cera, segretario prima di Paliani. Cresce invece l’organico su cui può contare NCD. Ma questa rivalità interna, garantiscono da entrambi i fronti, non mette a rischio i numeri sui quali può contare il Sindaco.

CISTERNA, LUCARELLI PASSA A NCD: È IL QUARTO CONSIGLIERE COMUNALE PER IL PARTITO DI TIERO

SHARE