Cisterna, Della Penna revoca l’incarico all’assessore Coluzzi: “solo un fatto politico”

di Redazione – Alla fine il sindaco Eleonora Della Penna si è espresso e ha scelto di revocare l’incarico e le relative deleghe al’Urbanistica e ai Servizi Sociali all’assessore Angela Coluzzi. La Coluzzi è stata rinviata a giudizio per la vicenda del rilascio delle autorizzazioni Ncc a Bassiano, ma già prima della decisione dei giudici il suo partito Progetto Cisterna aveva chiesto che fosse sollevata dall’incarico perché i rapporti si erano freddati.

Infatti la comunicazione inviata al primo cittadino e firmato da tutti i consiglieri comunali di Progetto Cisterna è protocollata 14 gennaio 2015. “La questione relativa alla revoca dell’assessore Coluzzi è solo un fatto politico – ha tenuto a precisare Della Penna -. Quando un sindaco si trova davanti a un documento formalmente protocollato da un gruppo di consiglieri comunali della maggioranza può solo prendere atto del fatto che è venuto meno il rapporto di fiducia tra quel gruppo e il loro assessore di riferimento”.

Prende due piccioni con un fava, così, Della Penna che con atto solo accontenta una parte importante della sua maggioranza e manda via dalla sua giunta una persona che, ad oggi, è rinviata a giudizio con l’accusa di corruzione.

“Seppur a malincuore e riconoscendo le competenze e la professionalità dell’assessore Coluzzi, oltre che il lavoro svolto in questi primi mesi di mandato, mi trovo costretta a prendere questa decisione in linea con l’esigenza di garantire la giusta rappresentanza politica e istituzionale alla lista Progetto Cisterna che è parte integrante ed essenziale della nostra amministrazione” scrive il sindaco in una nota. “Per quanto riguarda la vicende che abbiamo avuto modo di leggere sui quotidiani locali in questi giorni, sono certa che la Coluzzi avrà modo di chiarire ogni aspetto di quanto le viene contestato davanti alle autorità competenti”.

CISTERNA, COLUZZI A RISCHIO: DELLA PENNA POTREBBE ALLONTANARLA. I DUBBI DI EUPOLIS

LICENZE NCC, COLUZZI A GIUDIZIO: LA DIFESA DI BASSIANO E IL SILENZIO DI CISTERNA

SHARE