Cisterna, crepe nel polo liceale Ramadù: gli studenti protestano e chiamano la Provincia

cisterna_protesta_studenti

Con lo striscione “Il nostro futuro cade a pezzi”, gli studenti del polo liceale Ramadù, sostenuti dal Blocco Studentesco, hanno protestato davanti la sede del polo tecnico.

Nei giorni scorsi un sopralluogo effettuato dai rappresentanti d’istituto ha evidenziato che l’edificio versa in condizioni precarie: ci sono crepe su muri e tetti, mancano inoltre in alcune aule degli strumenti adeguati per poter portare avanti la didattica.

La Provincia ha promesso di effettuare un controllo entro 7 giorni per capire se ci sono effettivamente problemi strutturali che possano rendere inagibili gli edifici. Nel caso in cui la promessa non sarà mantenuta, gli studenti sono pronti ad una nuova protesta.

“Ribadiamo ancora una volta – spiega il Blocco Studentesco – che l’edilizia scolastica dovrebbe essere una priorità in cima alla agende politiche della Provincia perché non è accettabile che gli studenti svolgano la loro attività scolastica in una struttura dalle condizioni precarie. La nostra azione – continua il movimento – vuole sottolineare la nostra forte presa di posizione a difesa degli studenti cisternesi, ragazzi che non possono più accettare una situazione simile”.

SHARE