Cisterna, al convegno “Senza Lavoro” Aviointeriors diventa caso nazionale

di Redazione – Il convegno “Senza Lavoro”, organizzato dagli operai del presidio AvioInteriors e dalle sigle sindacali Fim, Fiom e Ugl si è svolto ieri a Cisterna in Comune, in una sala consiliare affollatissima. Presenti i lavoratori ed ex lavoratori di Aviointeriors, Midal, Sapa, Scm, Cravattificio Pompei e Bonansea. Tra le istituzioni oltre al sindaco e presidente della Provincia Eleonora Della Penna hanno partecipato i consiglieri regionali Forte e Giancola, i sindaci di Latina, Norma, Cori, Pontinia e Maenza, il vicepresidente della Provincia Giovanni Bernasconi e i rappresentanti delle sigle sindacali.

Ad aprire il convegno è stato Antonio Libertini, ex operaio Aviointeriors. “Da questa serata ci aspettiamo risposte concrete per riconquistare il nostro posto di lavoro e garantire agli occupati dell’azienda un futuro che in questo momento questa non hanno”, ha detto Libertini, dopo aver ricordato le tante vertenze che hanno interessato il territorio di Latina, a partire dall’ex Goodyear, passando per Midal, Sapa e tutte le altre aziende riconducibili ad Alberto Veneruso. Libertini ha spiegato ai presenti che il 22 gennaio è attesa la pronuncia del Tribunale sul fallimento di Aviointeriors. “Qualora l’azienda non fallisse, allora ci sarà bisogno di un serio piano industriale che preveda il reintegro dei lavoratori licenziati, da portare al Ministero dello Sviluppo Economico. A maggior ragione, se dovesse fallire, l’intervento del Ministero diventerebbe cruciale per il futuro nostro e delle nostre famiglie.”, ha detto ancora Libertini. Per questo alle istituzioni è stato chiesto di sottoscrivere un documento di richiesta di un tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico. “L’altro obiettivo che abbiamo è quello di far arrivare la vertenza Aviointeriors all’attenzione dei segretari nazionali dei sindacati”, ha spiegato ancora Libertini, iscritto all’Ugl, che con l’occasione ha chiesto ai segretari provinciali di convocare un incontro urgente con i segretari nazionali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl.

Poi ha preso la parola Eleonora Della Penna, nella doppia veste di Sindaco e Presidente della Provincia di Latina. Anche Della Penna ha ricordato le tante vertenze che hanno interessato il territorio. “Tutte queste aziende, insieme purtroppo a moltissime altre, che a volte non occupano le pagine dei giornali, costituiscono un vero e proprio ‘Caso Latina’: un problema consolidato che non può più essere affrontato dai soliti tavoli di concertazione ma che necessita di soluzioni concrete ed immediate”. Il sindaco e Presidente della Provincia si è impegnata sia con i lavoratori Avio che con gli altri delle aziende citate per salvare quanti più posti di lavoro possibile, definendo questo un “obiettivo unico”. “Il percorso è difficile lo sappiamo bene, ma è anche attraverso iniziative come questa che le istituzioni riescono a fare sistema e non abbassare la guardia”.

SHARE