Bolkestein, Fiva Confcommercio Lazio Sud fa chiarezza sulle norme per la riassegnazione delle concessioni

La Regione Lazio con una delibera di giunta ha avviato di fatto la fase esecutiva con la quale tutti i comuni dovranno pubblicare i bandi per riassegnate tutte concessioni in scadenza. La Fiva Confcommercio Lazio Sud insiste sulla corretta informazione degli operatori su queste tematiche, così come è stato ribadito durante il seminario nazionale del sindacato a Cervia al quale ha partecipato il Presidente di FIVA Regionale e Lazio Sud Roberto Delle Fontane.

L’incontro ha fatto ulteriore chiarezza, anche alla luce appunto degli ultimi atti posti in essere dall’Ente regionale, sull’applicazione delle norme per la riassegnazione delle concessioni del commercio su area pubblica. Si è inoltre ribadita l’importanza di continuare ad informare ed a supportare gli Operatori accompagnandoli in questa particolare fase di transizione nonché affiancare anche le Amministrazioni comunali per definire al meglio i contesti operativi.

“La FIVA – ha commentato Delle Fontane – è a fianco degli operatori per tutelarli ed è per questo che stiamo operando in sinergia con gli Enti locali consolidando il rapporto con loro in quanto sono referenti imprescindibili sulle problematiche di gestione delle concessioni su area pubblica”.

Per la FIVA Confcommercio Lazio Sud i punti fondamentali sono:

• Proroga delle concessioni in scadenza: (per le concessioni in scadenza sono previste tre proroghe: 7 maggio 2017, 4 luglio 2017 e 2020 in base alla scadenza prevista al momento di rilascio o di rinnovo);

• La durata delle concessioni viene fissata in 12 anni, sia per i mercati che per le fiere (con il primo rinnovo le concessioni avranno scadenza nel 2029);

• Riassegnazione delle concessioni viene riconosciuto il criterio della maggiore professionalità dell’impresa acquisita nell’esercizio del commercio su aree pubbliche ( nel rispetto delle normative vigenti che regolano l’esercizio della nostra professione)

• Nessun operatore su aree pubbliche perderà il posteggio in concessione nel rispetto delle normative concordate nella conferenza del 5 luglio 2012.

SHARE