Aviointeriors, varato l’aumento di capitale: ora l’azienda punta in alto. Il caso su La7 a Servizio Pubblico

di Redazione – I vertici di Aviointeriors non ci stanno ad essere “demonizzati” dalla stampa. Dopo la nota dell’amministratore delegato Ermanno De Vecchi, in cui si precisava che solo 40 lavoratori erano stati effettivamente licenziati, una nuova nota è stata diffusa a difesa dell’operato aziendale. Ancora una volta viene ribadito che la procedura di mobilità inizialmente riguardava 150 dipendenti, ma si è conclusa con il licenziamento “solo” di 75 di loro, “Delle quali solo 40 non hanno avuto la possibilità di usufruire di tale procedura per vedersi accompagnati alla pensione”, dicono da Avio. Non mancano elogi per quanto fatto: “A questo risultato, che vede di fatto un impatto sociale a meno di un terzo dell’iniziale apertura, si è giunti con importanti azioni di recupero di opportunità di mercato, e con un notevole sforzo da parte degli azionisti che ha permesso, alla fine, di salvaguardare ben 75 posti di lavoro nella sofferente realtà provinciale”.

La nota prosegue con un attacco a come i media hanno trattato la vicenda, e con la smentita definitiva della chiusura: “Difficile capire perché si continua a dire, a scrivere ed a discutere di una azienda che, contrariamente a tante altre nella provincia, non solo ha cercato di limitare l’impatto sociale di una necessaria riorganizzazione, ma ha recentemente incrementato il proprio capitale sociale da 7 a 24 milioni di euro, palese testimonianza della ferrea volontà degli azionisti al rilancio della azienda stessa, altro che chiusura come continuamente si scrive e vocifera”. Dunque i soci hanno varato un aumento di capitale, sintomo della volontà di far crescere l’azienda. E c’è spazio anche per grandi ambizioni: “Mi aspetto da tutti i miei collaboratori un nuovo e più forte scatto d’orgoglio che permetta a questa azienda di collocarsi tra il gotha dei produttori mondiali di interiors per aeromobili – così Ermanno De Vecchi – La strada non è semplice, ma questa azione realizzata dagli azionisti dimostra chiaramente la fiducia in noi tutti riposta e di certo non saremo noi a deluderla”.

Intanto la vicenda sta per approdare sulla tv nazionale. Stasera una delegazione del presidio Aviointeriors sarà nello studio di Servizio Pubblico, in onda su La7 con Michele Santoro. Al momento non sono previsti interventi, ma gli operai avranno modo di parlare con la redazione che starebbe pensando a una puntata proprio su Aviointeriors. La stessa andrebbe a toccare anche le vicende Goodyear, Meccano, Rail, Sapa e Midal, insomma tutti i casi “spinosi” che hanno interessato la provincia di Latina.

CISTERNA, AL CONVEGNO “SENZA LAVORO” AVIOINTERIORS DIVENTA CASO NAZIONALE

AVIOINTERIORS, ALTRI 35 OPERAI LICENZIATI. TORNA LA PROTESTA

SHARE