Anche Coluzzi per l’attivazione di Consiglio o Forum dei Giovani: loro il motore del rinnovamento

Matteo Coluzzi
Matteo Coluzzi

Dopo Ialongo e Miele, anche Matteo Coluzzi chiede che sia riattivato il Consiglio Comunale dei Giovani, o in alternativa un Forum dei Giovani. Attivando o riattivando questi strumenti si darebbe la possibilità ai giovani di intervenire direttamente nei confronti degli organi elettivi comunali. I ragazzi potranno così contribuire con le loro proposte.

“A Latina – dice Matteo Coluzzi in una nota – manca un luogo permanente da mettere a disposizione dei più giovani per favorire confronto e dialogo, che sia crocevia di idee e progetti strutturati sulla base di esperienze ed osservazioni e nel rispetto delle reciproche diversità al fine di raggiungere in maniera ottimale obiettivi comuni e condivisi. Il principale obiettivo è dunque quello di avvicinare i giovani alle Istituzioni e le Istituzioni ai giovani così da creare uno spazio per il dibattito e la condivisione di pratiche e competenze sottolineando il valore delle nuove generazioni e l’importanza della loro crescita personale ed integrazione civico-politica per garantire la qualità sociale e la democrazia nel nostro Paese”.

Per Coluzzi ciò permetterebbe di formare una cittadinanza attiva, fondamentale per esprimere impegno nella lotta contro ogni forma di esclusione sociale, economica, politica e culturale e combattere il disagio giovanile.

“Per troppi anni i giovani non hanno avuto risposte né alcun tipo di possibilità e servizi nella nostra città – continua Coluzzi -, adesso è il momento di porre una lente di ingrandimento ed iniziare ad accogliere proposte ed istanze. Affermiamo ciò in quanto consapevoli di poter rappresentare questa volontà, vivendola in prima persona, convinti che gli stessi ragazzi che amano e vivono questa Città dovranno rappresentare il motore del processo di rinnovamento e devono essere messi nelle condizioni di poter dibattere e condividere insieme una visione di Latina dinamica, ambiziosa, che ci appartiene e che deve vedere gli stessi giovani protagonisti.“

SHARE