Addio a Talus Taylor: ci ha fatto divertire e riflettere con il suo Barbapapà

di Francesco Miscioscia - Il mondo ha detto addio al padre di Barbapapà. Il gioco di parole è d’obbligo per ricordare Talus Taylor, co-creatore, insieme alla moglie Annette Tison, del celebre cartone animato che ha appassionato i bambini degli anni ’70 e ’80.

Mentre in Giappone erano in cantiere i robottoni che avrebbero invaso le tv dell’occidente, in Europa spopolava la famiglia, numerosissina, di morbidosi personaggi, la cui storia è stata tradotta in 30 lingue. Anche in Italia il successo di Barbapapà fu clamoroso, al punto che espressioni come “barbatrucco” utilizzate dai protagonisti, sono diventati di uso comune.

Il fumetto è nato un po’ per caso, come racconta lo stesso Taylor, americano di origini irlandesi, un po’ hippy, trapiantato a Parigi, tra i tavoli di un ristorante francese. Fu lì che per la prima volta… Continua a leggere su Marketicando 

SHARE