A Latina la criminalità ricalca il modus operandi della camorra. Il rapporto mafie nel Lazio

di Redazione – “La criminalità presente nella provincia di Latina ha caratteristiche simili a quelle delle mafie del sud Italia. In particolare, ricalca il modus operandi della camorra, per quel che riguarda le infiltrazioni nel tessuto socio-economico” inizia così il Rapporto “Mafie nel Lazio”, scritto dall’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio, in collaborazione con la Fondazione Libera Informazione nella sezione che riguarda Latina e provincia.

Il rapporto presentato oggi a Roma individua 88 clan mafiosi nel Lazio, mentre a Latina l’organizzazione dominante “risulta la famiglia Ciarelli – Di Silvio residuale risulta la cellula della famiglia Baldascini collegata con il clan dei casalesi”. Per quanto riguarda il Lazio, sul territorio nel 2014 risultano indagati per associazione di stampo mafioso 834 persone.

SHARE